lunedì 15 marzo 2010

Peter Pan

Ciao a tutti cari lettori!!!!!
Oggi vi racconto un po' la storia di Peter Pan!!!E rimaniamo sul tema Disney!Vabbè ho deciso di "pubblicizzare" questo musical perchè, oltre ad essere veramente una chicchina, verrà messo in scena qui a Firenze!!Infatti la compagnia "Chiedo Asilo" si esibisce al teatro Saschall il 24 marzo alle ore 21:00!!Non ci potrebbe essere migliore occasione per gli interessati!(la compagnia non è quella originale ma sono sicura che lo spettacolo sarà fantastico comunque).
Per quanto riguarda lo spettacolo originale, per il quale non sono previste date in questo periodo, riporto una recensione e il cast
La storia di Peter Pan è tratta dal romanzo di J.M. Barrie, in un’edizione artistica diretta da Arturo Brachetti
Peter Pan è uno spettacolo di grande impatto visivo e sonoro, immerso in una atmosfera incantata, dove i duelli tra Peter e i pirati di Capitan Uncino continuano a far sognare grandi e piccini. Ad appassionare gli spettatori saranno lo sbarco della nave pirata, il personaggio di Trilly realizzato con tecnologie laser e gli effetti speciali del volo di Peter.
Il grigio fumo di Londra fa da sfondo al set up scenico di questo musical.E’ un grigiore dipinto che ben raffigura la Tower Bridge e l’atmosfera iniziale e metaforica che vede gli adulti, borghesi cittadini del Regno Unito, contrapporsi al menestrello cantastorie che incanta i bambini con il fascino delle favole; ma è un grigiore che dura pochi minuti, lasciando presto il posto ad un tripudio di colori ed effetti che, complice la bellissima colonna sonora di Bennato, riarrangiata in chiave pop_rock, con fronzoli sapienti di rap e tip tap, trascina le emozioni in una ridda d’applausi di un pubblico infante e non.
La messa in scena è curata alla perfezione, Arturo Brachetti è infatti garanzia di stupore e meraviglia, lo spettacolo di Peter Pan, fino a una decina d’anni fa pressoché irrapresentabile realisticamente in teatro, è oggi un evento da ammirare con lo sguardo dell’appassionato e il cuore del bambino; il pubblico è chiamato a lasciarsi andare alla magia del Personaggio, custode dei sogni dei bambini e della loro voglia di non crescere mai per non essere abbandonati a se stessi.
Le coreografie di Gillian Bruce e Chiara Valli sono trascinanti e a tutto campo, la scenografia semovente allarga gli orizzonti del palco trasformandolo in un cinema, e il supporto degli effetti visivi curati da Valeria Ambrosio, estende lo schermo cinematografico fino a renderlo un panorama cosmico a cielo aperto, che, improvvisamente, rientra tra le quinte di scena, integrandosi perfettamente nello spazio dominato dagli attori.
Manuel Frattini (Peter Pan) è giocoso e convincente, oltre che atleta di rispetto per l’occasione, Alice Mistroni (Wendy) una cantante raffinata oltre che amica-moglie-madre che ogni uomo vorrebbe per sé.
Spugna e Capitan Uncino interpretano il ruolo che ogni bambino del mondo d’oggi avrebbe diritto di conoscere, monopolizzando lo spazio dei cattivi che nn fanno però molta paura.
Quedsto il cast delle prime edizioni: nelle ultime edizioni il personaggio di Peter Pan è interpretato da Massimiliano Pironti e quello di Wendy da Marta Rossi.

2 commenti: